Aggiornato a Venerdì 25 Maggio ore 12:56

Eni cede il 10% di Zohr e acquista 2 licenze ad Abu Dhabi

Pubblicato il 11/03/2018 alle ore 23:25:55

(Teleborsa) - Concordata da Eni con Mubadala Petroleum la cessione del 10% di quota per la concessione di Shorouk, nell'offshore dell'Egitto, dove si trova il giacimento super-giant a gas di Zohr. Il corrispettivo pattuito è di 934 milioni di dollari. Il completamento della transazione è subordinato al rispetto di alcune condizioni standard, tra cui tutte le autorizzazioni necessarie da parte delle autorità egiziane. Eni S.p.A. ha condotto l'operazione attraverso la sua controllata IEOC e detiene attualmente una quota di partecipazione nel blocco del 60%. Gli altri partner sono Rosneft con il 30% e Bp con il 10%. Mubadala Petroleum è consociata di Mubadala Investment Company. 

L'impianto di Zohr è stato avviato con successo nel dicembre 2017, a soli 28 mesi dalla scoperta, e ha raggiunto una produzione lorda di oltre 11 milioni di metri cubi di gas al giorno. La produzione aumenterà gradualmente fino a raggiungere il plateau entro la fine del 2019.

"Siamo lieti di collaborare con Mubadala e di dargli il benvenuto come partner nella concessione di Shorouk - ha dichiarato l'Amministratore Delegato di Eni, Claudio Descalzi - e questo rappresenta un ulteriore segnale della qualità di questo asset di primaria importanza sviluppato da Eni".

Da parte sua, Musabbeh Al Kaabi, Amministratore Delegato di Petroleum & Petrochemicals, Mubadala Investment Company, e Presidente di Mubadala Petroleum ha detto: "Questo è un investimento importante e interessante per Mubadala, che aggiunge un asset di primaria importanza con flussi di cassa a lungo termine al proprio portafoglio. Stiamo entrando in una forte partnership con Eni che, come Operatore, ha consegnato il progetto in tempi record e con il pieno supporto delle autorità egiziane".

L'Azienda Eni, fondata nel 1953 e originariamente acronimo di Ente Nazionale Idrocarburi e poi convertita in società per azioni nel 1992, è presente in Egitto dal 1954, dove opera attraverso la controllata IEOC Production BV. La società è il principale produttore del Paese con una produzione equity pari a circa 230.000 barili di olio equivalente al giorno.

Al tempo stesso, Eni ha appena firmato ad Abu Dhabi, negli Emirati Arabi Uniti, due Concession Agreement per l'ingresso con una quota del 5% nel giacimento a olio di Lower Zakum e con una quota del 10% nei giacimenti a olio, condensati e gas di Umm Shaif e Nasr, nell'offshore del Paese, per un corrispettivo di circa 875 milioni di dollari complessivi e una durata di 40 anni.

Ultime notizie

© 2018 4Trading.it. Tutti i diritti riservati. P.IVA 03762510406