Aggiornato a Venerdì 24 Novembre ore 18:13

Nouy: regole addendum non generali, ma caso per caso

Pubblicato il 09/11/2017 alle ore 11:56:47

Si ammorbidiscono i toni  della Responsabile della Vigilanza Bancaria. Ora, da regola generale si è passati a caso per caso, cioè le regole si applicheranno se una banca evidenzia un cumulo troppo alto senza aver preso contromisure adeguate (è la nostra interpretazione). Un altro passaggio importante è che la Nouy auspica fusioni transfrontaliere ed è chiaro che si tratta di un invito neppure troppo velato verso quegli istituti che devono risolvere il problema NPL e migliorare la redditività. Si riferisce ancora alle banche italiane? Vedremo nei prossimi giorni se vi sarà un seguito. Per ora, è importante il dietrofront della Nouy. 

 

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Roma, 09 nov - Nouy ha dovuto fronteggiare molte domande con giudizi negativi sull'addendum sui crediti deteriorati davanti alla Commissione Econ del Parlamento Europeo presieduta dall'italiano Roberto Gualtieri (Pd). Nouy nelle risposte ha sottolineato che il Consiglio di Vigilanza "cerchera' di essere piu' convincente nel nuovo testo (dell'addendum, ndr) che le misure non saranno vincolanti". Nouy ha ammesso che il linguaggio utilizzato nella bozza puo' essere stato interpretato "come quello del primo pilastro" e quindi vincolante. Nello specifico, pero', Nouy ha difeso l'ipotesi della svalutazione in sette anni dei crediti deteriorati garantiti sulla base dell'esperienza fatta dalla vigilanza nei casi concreti ma ha ribadito che il Consiglio prendera' in considerazione molto seriamente tutti i contributi. Piu' in generale, Nouy ha ribadito che le banche hanno un problema di redditivita' e che serviranno fusioni transfortaliere per ridurre l'eccesso di capacita' che si registra nei servizi bancari in Europa. Gualtieri chiudendo l'audizione ha detto di aver apprezzato le 'aperture' di Nouy sottolineando che "l'addendum ha bisogno di cambiamenti e miglioramenti".

Ultime notizie

© 2017 4Trading.it. Tutti i diritti riservati. P.IVA 03762510406