Aggiornato a Lunedì 21 Settembre ore 11:56

Diasorin rallenta

Pubblicato il 17/09/2020 alle ore 13:59:14

Analisi del 17 settembre


 

Il titolo ci prova ma non riesce a sfondare la zona di 163/164 euro, dove si colloca il primo ostacolo. Il movimento dei prezzi è inserito in un canale discendente di breve che, per il momento, è stato sempre rispettato. In caso di uscita da questo canale, suggeriamo di seguire i livelli statici che definiranno la direzionalità del titolo nel brevissimo termine. Il movimento dei prezzi ha provocato la formazione di un forte eccesso sull’indicatore mentre i volumi si stanno rarefacendo in questa seduta. Manteniamo la posizione in essere senza procedere, per il momento, ad alcun intervento operativo.

 


Analisi dell'11 settembre


Segnaliamo il titolo, anche se non siamo interessati all’acquisto, per la figura che si sta formando su base oraria. Se la tendenza di oggi dovesse provocare il superamento di 155.50 euro, confermando in chiusura il superamento, si avrebbe una prima conferma del testa e spalle. Il target ci colloca in area 170 punti, dove si colloca il massimo di fine agosto. Indicatore in trend positivo e volumi che stanno salendo.

 


Analisi del 6 agosto





 

Il titolo si riavvicina alla zona di 150 euro che rappresenta una soglia molto solida e robusta di brevissimo termine. Il movimento dei prezzi si sta sviluppando su scambi modesti e questo  rappresenta un dato negativo perché significa che non vi sono compratori interessati nonostante il titolo si muova sui minimi di periodo. Indicatore debole e in zona di eccesso e questo è l’unico elemento tecnico che ci fa supporre ad un rialzo nel brevissimo termine. Non siamo attivi sul titolo e suggeriamo di non agire ma se dovessimo dare un’indicazione daremmo l’acquisto a  150/151 euro per target a 160/161 euro e stop alla rottura di 147 euro.

 


Analisi del 24 luglio

 


 

Il movimento correttivo del titolo ha portato al raggiungimento della zona di 163 euro, dove si colloca il primo appoggio dato dalla base del canale che abbiamo evidenziato. Si tratta di un livello poco significativo perché la soglia da tenere sotto controllo si trova a 153/150 euro. Il movimento correttivo porta al raggiungimento di questa soglia e solo a questo livello si potrà valutare se entrare in compera, dubitiamo, o lasciar correre. Il movimento dell’indicatore e la distribuzione dei volumi ci spingono a credere che i massimi dello scorso maggio rimarranno tali a lungo. Non siamo attivi.


Analisi del 16 luglio


Un movimento molto netto nella seduta di oggi ma nessuna variazione sostanziale per quanto concerne il titolo che si mantiene in laterale. Solo al superamento di 180/181 euro in chiusura si avrà una reazione positiva dei prezzi mentre i volumi certamente non supportano il trend di allungo nel brevissimo. manteniamo la posizione di neutralità ma se non si avrà un nuovo immediato allungo, entro la seduta di domani, appare verosimile il ritorno verso la zona di 155 euro.

Attendere.

 


Analisi del 7 luglio


 

Il segnale dato dal superamento di 176 euro, se confermato in chiusura, potrebbe permettere il raggiungimento di area 183 euro sin dalle battute iniziali con estensione, in caso di nuovo allungo su scambi elevati, sino al raggiungimento di area 190 euro, dove si colloca il primo ostacolo della griglia. Il trend dei prezzi si sta sviluppando sui scambi non all’altezza del movimento in atto ma l’indicatore segnala forza tanto da aver raggiunto la zona di forte eccesso in questa fase. Pertanto, per chi volesse agire, segnale al superamento dei 176 euro in chiusura, evitando di pagare oltre 178 euro, per primo target a 183 euro e successivo a 190 euro. Stop alla rottura di 173 euro.

 


Analisi del 30 giugno


 

L’area di 165 euro è un buon punto tecnico. Quota 175/177 euro è altrettanto solido mentre è evidente che i volumi sono troppo bassi per sostenere qualsiasi movimento si creerà nel brevissimo. Il trend dei valori è laterale e questo implica la possibilità che si possa assistere alla continuazione dell’attuale trend tra 165 e 175 euro. Possibili interventi veloci in trading su questo titolo.

 


Analisi del 23 giugno


 

Su base oraria il titolo si sta muovendo all’interno di un canale rialzista di breve termine che ha il primo ostacolo a 175 euro e quello successivo a 178 euro. Al momento, non vi sono le condizioni per un ingresso in compera anche perché i volumi si sono ridotti al lumicino mentre l’indicatore mostra qualche segnale di incertezza. Nessuna indicazione operativa anche se appare possibile il raggiungimento di area 165/166 euro prima di avere una nuova reazione. Per ora, attendere.

 


Analisi del 15 giugno


 

Netto recupero del titolo che si sta avvicinando alla zona di 175 euro, dove si colloca un forte ostacolo. Il movimento dei prezzi non ha prodotto alcun segnale ma bisogna stare attenti alla zona di 175 punti perché al superamento, con conferma in chiusura, si potrebbe assistere ad un veloce recupero dei prezzi verso la zona di 190 euro. Appare evidente che il superamento, o meno, di 175 euro sarà importante per il breve termine: al superamento, il segnale di arrivo a 150 euro sarà completamente annullato e si potrà assistere al raggiungimento di area 190 punti. Su arrivo e mancato superamento, segnale di consolidamento per target in area 150 euro, dove si colloca un buon livello tecnico che potrebbe essere sfruttato per acquisti. Per il momento, non siamo attivi sul titolo.   

 


Analisi del 10 giugno

Il titolo ha corretto pesantemente dal massimo storico di 210/213 euro. Un cedimento che ha consentito al titolo di rimediare al fortissimo eccesso che si era creato e potrebbe porre le basi per un nuovo allungo nel brevissimo che potrebbe permettere il raggiungimento di area 1.75 euro, dove si colloca il primo appoggio. Contestualmente, rileviamo volumi non proprio affidabili mentre l’indicatore si sta posizionando nuovamente al ribasso. In buona sostanza, rileviamo che il titolo potrebbe scendere nuovamente verso la zona di 155/160 euro ma tale discesa potrebbe essere valutata più un’occasione di acquisto che un rischio di rottura del supporto statico di 150 euro. Non siamo attivi per il momento.

 


Analisi del 25 maggio



 

Il titolo ha raggiunto un nuovo massimo assoluto raggiungendo la zona di 210 punti, dove si trova la seconda proiezione al rialzo di brevissimo. Il movimento al rialzo è sempre supportato da volumi elevati, a dimostrazione che il trend rimane solido nonostante il forte eccesso rialzista. Allo stesso tempo, rileviamo che la spinta dei compratori non accenna a diminuire. Manteniamo la posizione neutrale ma se la soglia di 211 dovesse essere superata in chiusura, nulla vieterebbe di assistere al raggiungimento di area 245/250 punti, dove si colloca l’ultima proiezione (non la visualizziamo perché comprimerebbe troppo i prezzi.

 


Analisi del 22 maggio





Raggiunto il livello superiore del canale di breve termine. Appare del tutto evidente che il forte eccesso dell'indicatore, i volumi elevati ma l'arrivo contro la resistenza non danno alcuna nuova indicazione di recupero. Per il momento, attendere. 


Analisi del 14 maggio



 

Nuovo record storico da parte del titolo che si porta sopra la soglia di 180 euro ma, per il momento, non regge tale soglia. Il movimento dei prezzi lascia suppore che sia possibile un cedimento sia perché il trend si sta sviluppando su scambi buoni ma non altissimi sia perché l’indicatore su base oraria ha generato i primi segnali di divergenza ribassista. Ai prezzi correnti non suggeriamo alcun intervento operativo e rimandiamo alla prima correzione decisa per valutare se agire o lasciar perdere del tutto questo tema operativo.

 


Analisi del 30 aprile


 

Un percorso rialzista che potrebbe interrompersi velocemente nel brevissimo. Area 150 euro rappresenta un solido appoggio mentre la rottura di 148 euro, in chiusura, creerà il primo segnale di inversione di brevissimo. Appare evidente che il rischio sta salendo in maniera considerevole in questa fase. Attendere.


Analisi del 23 aprile
 

 

Il settore rimarrà al centro dell’attenzione nei prossimi mese ed appare verosimile che si possa assistere ad un nuovo allungo da parte di questo titolo che si mantiene sui massimi assoluti. Appare del tutto evidente che entrare adesso, dopo un movimento che ha portato il titolo in area 165 euro e sui massimi storici, appare difficile ed è per questo che suggeriamo di attendere il potenziale arrivo a 145 euro, dove si colloca un primo gap da colmare, per agire. Ricordiamo che questo titolo è l’unico, del paniere principale, che si muove con entrambi gli oscillatori di volatilità in zona di fortissimo eccesso. Meglio attendere un consolidamento per non entrare in acquisto in una fase particolarmente rischiosa.


Analisi del 17 aprile



Netto consolidamento del titolo che scende sino al raggiungimento di area 135 euro per risalire in queste ultime ore. Il trend del titolo si sta sviluppando su scambi elevati, superiori a quelli delle precedenti sedute e questo perché Gilead ieri ha annunciato che i risultati del proprio farmaco antivirale sono soddisfacenti (non ottimali). Appare chiaro che se venisse trovato un farmaco, in attesa del vaccino, che limita il contagio, tutti i vari test diagnostici di Diasorin potrebbero incontrare delle difficoltà ad essere venduti. Per questo motivo, il titolo sta scendendo e su questo andamento si sono inserite le prese di beneficio di chi ha acquistato in precedenza. Il nostro trading system ai valori di 135 euro da un segnale di vendita per la posizione assunta in area 110 punti mentre ai valori correnti d 142 punti evidenzia un segnale di pericolo per il brevissimo.

Strategia

Attendiamo e non fissiamo alcun intervento operativo. Fossero in essere delle posizioni, agire con cautela procedendo a vendite parziali.

 


Analisi del 7 aprile


 

 

Nuovo test sierologico  per rilevare la presenza di anticorpi nei pazienti infettati dal SARS-CoV-2. Questa notizia è alla base del rialzo messo a segno dal titolo che raggiunge la zona di 125 euro. Il trend dei prezzi si sta sviluppando in maniera impulsiva e questo potrebbe permettere il raggiungimento della zona di 130 euro nel brevissimo, massimo storico. Il superamento, per ora, appare difficile. 

 

Comunicato aziendale - Diasorin

Ultime notizie

© 2020 4Trading.it. Tutti i diritti riservati. P.IVA 03762510406